Il diritto alla cura per le Sindromi Pans Pandas: la sentenza del Giudice

Roma, 13 Luglio 2023

E’ di qualche giorno fa la Sentenza emessa dal Tribunale di Civitavecchia a firma del Giudice Dott. Gelso con la quale una mamma di Roma ha ottenuto l’autorizzazione a curare il figlio dalla sindrome Pans Pandas malattia non ancora riconosciuta dal Servizio Sanitario Nazionale.

Tutto ha avuto inizio da numerosi ricorsi giudiziali depositati in Tribunale con i quali il padre di Flavio, un ragazzo di 14 anni di Roma, non credendo all’esistenza di tale sindrome, osteggiava la somministrazione di cure prescritte da autorevoli esperti nel campo della medicina che avrebbero potuto portare, ad oggi, già ad una importante regressione della malattia in oggetto.

A causa dell’atteso e formale riconoscimento di tale sindrome, nel nostro Paese, si genera un copioso contenzioso tra genitori compromettendo, di fatto, il “diritto alla cura” e il “diritto alla salute” riconosciuto come principio cardine nella Costituzione e delegando alla Magistratura il compito di colmare il vuoto normativo.

I quadri clinici con disturbi neuropsichiatrici provocati dallo streptococco betaemolitico di gruppo A, in sintesi P.A.N.D.A.S, sono conosciuti a livello internazionale dal 1998 e studiati dalle prestigiose Università americane di Stanford e Columbia. La prima ha addirittura implementato una clinica omonima, alla quale l’Associazione Genitori Pans Pandas Bge si ispira chiedendone alle autorità una simile, almeno per quanto concerne l’approccio multidisciplinare delle cure efficaci. Mentre la seconda si avvale di un centro di ricerca che è un faro a livello internazionale, che accende la speranza per trovare nuove conferme scientifiche e terapie efficaci di nuova generazione.

Intanto l’OMS ha assegnato il codice 8E4A.0 nell’ICD-11 (Classificazione Internazionale delle malattie).

La sindrome PANS PANDAS esiste!

I numeri riportati dalle proiezioni statistiche americane e non solo, certificano 1 bambino su 200 in grado di manifestare tali sintomatologie provocate da una risposta disregolata del sistema immunitario a seguito di una recidiva da streptococco o altro patogeno.

Sono dati allarmanti e concreti.

In Italia l’Associazione Genitori Pans Pandas Bge odv dalla sua costituzione si impegna ogni singolo giorno per far conoscere, con la formazione medica e riconoscere con il Governo Meloni, tali sindromi, neuroinfiammazioni di origine autoimmune, affinché tutti possano curarsi e non sia solo privilegio di pochi.

Le famiglie e con loro i pazienti pediatrici ed anche i grandi non curati, di cui non si occupa nessuno, chiedono aiuto continuo, in tal senso.

Con la sentenza emessa presso il Tribunale di Civitavecchia il Giudice, Dott. Gelso, ha riconosciuto l’importanza delle cure prescritte al piccolo Flavio dagli specialisti  sancendo di NON dover neppure indire una CTU medica (consulenza-tecnica- di ufficio) in quanto non necessaria da un punto di vista probatorio, bensì solo esplorativa.

Una vittoria importante che crea un  precedente e sottolinea l’importanza del diritto alle cure in Italia per Pans/Pandas che purtroppo nel caso del giovane Flavio interverranno con un grave ritardo, causato da estenuanti lotte giudiziarie.

Grazie alla coraggiosa ma doverosa decisione del Giudice che ha operato un’attenta disamina dei documenti prodotti in atti unitamente ad una ferma difesa operata dal tenace legale di fiducia dell’associazione Pans Pandas  Avv. Emanuela Bellante, si è aperta una importante storica breccia per la tutela al diritto alla salute e al futuro riconoscimento su base nazionale di tale patologia.

La rappresentanza legale dell’Avv. Emanuela Bellante è il frutto non solo della sua abilità e competenza giuridica ma anche del lavoro svolto fianco a fianco con l’Associazione finalizzato a fornire un supporto probatorio alla domanda avanzata rivelatosi inoppugnabile.

L’avv. Emanuela Bellante infatti ha utilizzato a supporto della difesa gli studi sulla sindrome, le linee guida farmacologiche base internazionali raccolte e tradotte dall’Associazione che diverranno oggetto del tavolo tecnico di lavoro del Ministero della Sanità indetto dal Governo Meloni:

sono state prodotte in giudizio le preesistenti certificazioni ex lege 104 rilasciate dalle ASST riconosciute da diverse regioni italiane con esplicita dicitura sindrome Pandas.

L’iniziativa governativa della Presidente Giorgia Meloni nasce dalla volontà, dalla forza e dalla pervicacia di ogni singolo membro dell’Associazione finalizzata ad un riconoscimento ufficiale della sindrome affinché la disperazione delle famiglie possa cessare ed ogni bambino possa essere destinato ad una vita e ad una crescita serena.

L’Associazione ritiene che questo sia solo il primo importante passo e unitamente all’Avv. Emanuela Bellante non intende arrestare la propria battaglia perché ora più che mai lo Stato c’è!!

Per info sullo Sportello Legale dedicato alle Famiglie scrivere a:

pandasbge@gmail.com

Foto: royalty free freepik

Condividi questo post

Altri Articoli

News

Le ASSOCIAZIONI Italiane per PANS PANDAS

In qualità di Presidente dell’Associazione Genitori  Pans Pandas  BGE ODV ho predisposto il presente comunicato perchè ritengo utile e necessario distinguere le attività dell’Associazione Genitori